Cosa fa Macron? Accusa Salvini. Ma ricorda quello che ha combinato agli immigrati?

147

Le accuse del primo ministro francese sono senza fondamento. Tutti ricordano che…

La Francia continua ad infierire profonde critiche al gesto di Matteo Salvini.

Qualcuno, però, accusa lo stesso paese di avere la memoria corta. Molti migranti negli anni precedenti non sono stati soccorsi come da accordi presi con l’Ue.

Leggiamo su Il Giornale:

Non si scusa col governo italiano dopo le dichiarazioni di cinismo nei confronti del governo italiano sul caso Aquarius. Il presidente francese, piuttosto, rincara la dose. Nessuna autocritica sulle politiche migratorie d’Oltralpe, nessun pentimento sui respingimenti operati dalla Gendarmeria. E allora è il caso di provare a ricordargli di come e perché Parigi, in tema di accoglienza, non possa dare lezioni a nessuno, men che meno all’Italia.

Partiamo dal rispetto delle quote di migranti che la Francia si era impegnata ad accogliere nell’ambito dei ricollocamenti Ue. Ebbene, dal 2015 a oggi, Parigi dei 9.816 che dovevano essere ricollocati in tre anni ne ha accolti solo 640. Sul fronte dei respingimenti la musica non cambia, anzi peggiora. Dal 1 gennaio al 31 maggio ha respinto alle frontiere 10.249 persone, comprese donne e bambini disabili, in pratica quasi 70 al giorno. E se nel 2016 i respingimenti verso l’Italia erano stati 37mila, nel 2017 sono aumentati fino a circa 45mila.

Insomma, il governo Macron ha inasprito a dismisura le politiche restrittive nei confronti dei migranti. Basti citare le violenze e le vessazioni fatte dagli agenti francesi a Ventimiglia, una su tutte la donna incinta che venne sbattuta giù di forza da un treno che l’avrebbe portata a Mentone.

Tra le tante vittime poi va ricordata la donna incinta che non ricevette le giuste cure, perdendo la vita, perchè la polizia francese non ritenne che fosse di sua competenza. Cosa risponderà Macron?

Fonte: ilgiornale

Foto: ilprimatonazionale

Source : https://adessobasta.org/2018/06/13/cosa-fa-macron-accusa-salvini-ma-ricorda-quello-che-ha-combinato-agli-immigrati/