Salvini chiude l’Italia ai clandestini: schierata la polizia al confine

51

Fedriga e Salvini chiudono le porte ai clandestini. Lo dicono i numeri. Sono infatti 1.144 gli stranieri irregolari rintracciati dalla Polizia di frontiera tra le province di Trieste e Gorizia.

Spesso ci si limita a parlare della rotta meridionale delle migrazioni. Quella, per intenderci, che dalla Libia (o dall’Africa in generale) porta via mare i migranti fino alle nostre coste. Eppure il Friuli Venezia Giulia sa bene quali possano esserei problemi che sorgono con l’arrivo degli immigrati dalla rotta terrestre.

Il lavoro delle forze dell’ordine nelle ultime settimane è stato enorme. La polizia di frontiera ha controllato oltre 2600 veicoli, ha effettuato 24 respingimenti alla frontiera, un ingente numero di arresti e ha sequestrato qualcosa come 125 chili tra hashish e marijuana.

“Sono solo una parte – riferisce una nota del Viminale – dei numeri conseguiti nei primi mesi dell’anno dalle questure di Trieste e Gorizia nel contrasto alle attività illecite transfrontaliere e per la lotta all’immigrazione irregolare”.

Secondo quanto emerge dal rapporto fornito dalla polizia di frontiere della IV zona di Udine, dopo un periodo in cui l’emergenza immigrazione in Italia era concentrata nel mare nostrum, adesso si sta registrando un importante incremento degli ingressi nel Nord Est.

Il ministero dell’Interno, guidato da Matteo Salvini, ha decretato l’incremento dei servizi di pattugliamento. A controllare le frontiere di Trieste, per esempio, adesso ci sono la polizia di Frontiera, la Polfer, la Stradale, il Reparto prevenzione crimine di Padova, i carabinieri e la Guardia di finanza. Senza dimenticare il personale della Questura, la Squadra mobile e la Digos. Il pattugliamento dura giorno e notte, diviso in cinque turni. Nelle ultime settimane sono stati arrestati ben 4 passeur e 24 kosovari sono stati denunciati perché, secondo le indagini, sarebbero i fiancheggiatori di una organizzazione criminale che faceva entrare immigrati da Kosovo. Nel registro delle attività messe in atto dalle forze dell’ordine anche 33 denunce per altri reati e 13 espulsioni di cittadini stranieri.

In fondo l’elezione a governatore di Massimiliano Fedriga è stata favorita anche dalle posizioni prese dal suo predecessore, Debora Serracchiani, in materia di immigrazione. Appena insediato, il leghista aveva annunciato una rivoluzione totale del sistema di accoglienza friulano. Ed ha già tagliato alcuni fondi ai centri per i migranti.

Le nuove disposizioni del Viminale, a quanto pare, funzionano. Secondo quanto racconta il Piccolo, nella zona del Triestino i cambiamenti si vedono eccome. “I confini sono monitorati secondo le disposizioni che abbiamo ricevuto”, racconta al quotidiano locale Chiara Ippoliti, vice dirigente dell’Upgsp (Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico). “Il fenomeno va gestito, perché i migranti non possono essere dei fantasmi che vagano sul territorio e di cui non si sa nulla. Sono persone che vanno identificate e tracciate”.

I numeri in mano alla Questura parlano chiaro. La polizia ne ha fermati 200 in venti giorni al confine con la Slovenia. Alcuni sono stati rispediti in Lubiana, altri espulsi. Una parte invece ha chiesto asilo nel Belpaese e i minori sono stati accompagnati nei centri di accoglienza.

Fonte: www.ilgiornale.it

Source : http://www.daily-best.com/salvini-chiude-litalia-ai-clandestini-schierata-la-polizia-al-confine/