Compra auto di lusso con assegni falsi. E si giustifica con parole shock. I dettagli della storia assurda.

145

Questa storia ha dell’incredibile. A finire in manette è Salvatore S., 39 anni, originario e residente in provincia di Napoli, e con precedenti penali.

Incastrato da una delle sue vittime, un milanese che aveva messo in vendita un’Audi Rs 6 a 130mila euro online.

L’uomo si era presentato all’appuntamento, all’interno di una scuola guida, con documenti falsi, e proprio lì è avvenuto poi l’arresto.

La vittima si era insospettito da questo possibile acquirente e gli aveva chiesto come garanzia un assegno circolare, che poi è risultato essere falso.

Così ha parlato con la polizia e poi ha incontrato il truffatore, facendolo arrestare. E la giustificazione al reato è la seguente.

Al termine del processo di compravendita sono intervenuti gli agenti di polizia ed hanno controllato l’uomo. Oltre ai documenti taroccati, i poliziotti hanno visto le chat dell’uomo ed hanno scoperto che aveva provato lo stesso modus operandi con altri venditori.

L’arrestato si è poi giustificato dicendo di essere pieno di debiti per il gioco d’azzardo e di dipendere dal gioco delle slot machines. Per questo, a suo dire, era costretto a truffare per coprire i numerosi debiti accumulati.

In pratica l’uomo acquistava con assegni falsi auto di lusso che poi ricettava. Dopo essere stato fermato dalla polizia, il giudice ha convalidato l’arresto e l’uomo è stato rinchiuso a San Vittore.

Fonte: milanotoday

Foto credit: ilmessaggero

Source : https://adessobasta.org/2018/10/16/compra-auto-di-lusso-con-assegni-falsi-e-si-giustifica-con-parole-shock-i-dettagli-della-storia-assurda/