Gli scienziati hanno collegato il cervello di 3 persone permettendo loro di condividere pensieri

75

I neuroscienziati dell’Università di Washington e della Carnegie Mellon University hanno collegato con successo il cervello di tre persone, consentendo loro di condividere i loro pensieri.

Il team pensa che l’esperimento potrebbe essere esteso per connettere intere reti di persone.

BrainNet

La connessione funziona attraverso una combinazione di elettroencefalogramma (EEG) che registra gli impulsi elettrici che indicano l’attività cerebrale e la stimolazione magnetica transcranica (rTMS), in cui i neuroni vengono stimolati utilizzando campi magnetici.

Il sistema è stato soprannominato BrainNet. Secondo gli scienziati, alla fine può essere usato per collegare molte menti, anche attraverso il web.

“Per quanto ne sappiamo, è la prima interfaccia diretta non invasiva e multipla tra i cervelli per la risoluzione dei problemi collaborativi. L’interfaccia consente a tre umani di collaborare e risolvere un compito utilizzando la comunicazione diretta da cervello a cervello “, hanno affermato i ricercatori.

Oltre ad aprire strani nuovi metodi di comunicazione, BrainNet potrebbe anche insegnarci di più su come funziona il cervello umano, a un livello più profondo.

L’esperimento

Nello studio, due “mittenti” sono stati collegati agli elettrodi EEG e hanno chiesto di svolgere un gioco nello stile di Tetris, coinvolgendo blocchi che cadono. I partecipanti dovevano decidere se ruotare o meno ciascun blocco.

Per fare ciò, è stato chiesto di osservare  due LED lampeggianti su entrambi i lati dello schermo – un lampeggiante a 15 Hz e uno a 17 Hz .

Queste scelte sono state poi trasmesse a un singolo “ricevitore” attraverso un rTMS. I partecipanti non riuscivano a vedere l’intera area del gioco, ma dovevano abbassare il blocco se veniva inviato un segnale luminoso.

In cinque diversi gruppi di tre persone, i ricercatori hanno raggiunto un livello medio di accuratezza dell’81,25%, il che è abbastanza ragionevole per un primo tentativo.

 

Avanzamenti

Per aggiungere uno strato di complessità al gioco, i mittenti potevano aggiungere un secondo round di feedback che indica se il ricevitore ha fatto la mossa giusta.

I ricevitori sono stati anche in grado di rilevare quale mittente era più affidabile sulla base delle sole comunicazioni del cervello, i ricercatori dicono di essere fiduciosi per lo sviluppo di sistemi che si occupano di scenari reali in cui una mancanza di affidabilità umana sarebbe un fattore .

E mentre il sistema attuale può solo trasmettere un “bit” (o un flash) di dati alla volta, il team ritiene che possa essere espanso in futuro.

Passi successivi

Lo stesso gruppo di ricercatori in passato ha collegato con successo due cervelli, spingendo i partecipanti a giocare a 20 domande.

Per il momento, i progressi sono lenti e il lavoro deve ancora essere rivisto dalla comunità neuroscientifica, ma hanno già sollevato la possibilità di un’incredibile interfaccia cervello-a-cervello che consente la soluzione cooperativa dei problemi da parte degli esseri umani in futuro.

Un articolo sulla ricerca è disponibile online in inglese su arXiv. [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews”

Pianetablunews

L’articolo Gli scienziati hanno collegato il cervello di 3 persone permettendo loro di condividere pensieri proviene da .

Source : http://feedproxy.google.com/~r/Pianetablunews/~3/fyke057a3_o/