Perché Penny Dreadful è la serie tv più bella di sempre

207

Ci sono state molte serie tv ben scritte negli ultimi anni, ma poche a livello di struttura di trama e intrecci narrativi riescono ad eguagliare Penny Dreadful, e soprattutto non c’è una singola serie tv con una tale inclinazione letteraria. Perché Penny Dreadful è questo: una ricerca costante della poesia intesa come tentativo di lavorare sul significato delle parole e sulla loro musicalità, una sceneggiatura intensa e profonda, continue citazioni e rimandi ad opere di Wordsworth, Shakespeare e altri classici della letteratura che prendono vita sul piccolo schermo in modo magistrale ed impeccabile.

Frankenstein. Dracula. Licantropi. Dorian Gray. Van Helsing. Personaggi e concetti nati principalmente nella letteratura vittoriana del diciannovesimo secolo, la cui popolarità si è estesa grazie anche agli Universal Studios. Da allora sono stati rifatti, parodiati e hanno perso quasi tutta la loro potenza originale diventando addirittura semplici e sciocche decorazioni di Halloween. Ma poi è arrivato Penny Dreadful, che ha restituito il potere gotico originale a quei personaggi e quelle fantastiche e misteriose storie amate da tanti appassionati.

Nessun’altra serie ha mai infatti approfondito l’atmosfera e lo spirito di un’intera epoca come ha fatto Penny Dreadful, rispettando la sua letteratura, la sua arte, le sue idee, i suoi conflitti e i suoi miti, riuscendo oltretutto a mantenere un incredibile livello di qualità. Le battute dei personaggi, inoltre, sono incredibili, significative, intense e complesse, e tuttavia mai noiose o tediose.

I monologhi e la poetica di cui è ricca questa serie tv sono emozionanti e profondi, riuscendo sempre a raggiungere lo spettatore e a farlo entrare nel personaggio che sta osservando. Anche il più odioso o il più fastidioso riuscirà a farvi scendere una lacrimuccia, perché per quanto essi siano considerati dei “mostri” sono pur sempre umani e sbagliano come tutti noi, rappresentando l’egoismo ed i peggiori peccati dell’uomo.

L’atmosfera misteriosa e gotica, la sceneggiatura superba e soprattutto i personaggi introspettivi e profondi riescono a rapirti e trasportarti in un’altra epoca. E questo succede anche e soprattutto grazie a quei magistrali attori che calzano le vesti di questi “mostri” complessi e dalle mille sfaccettature. Tra questi attori, in particolare, citiamo la famosa e meravigliosa Eva Green, che veste i panni di una tormentata Vanessa Ives alle prese non solo con i demoni che camminano tra gli umani, ma anche con quelli dentro di lei. Ad affiancarla altri complicati personaggi, tra cui il dr. Viktor Frankenstein, Dorian Gray e il Conte Dracula.

Ci sono altre serie tv dall’atmosfera gotica, come Peaky Blinders, Ripper Street e The Knick, ma nessuna è ai livelli di Penny Dreadful. Dove altri simili telefilm sfornano a caso immagini raccapriccianti e splatter senza il minimo significato, Penny Dreadful è di contro surreale, soprannaturale e sviluppa le sue paure con attenzione, aggiungendo un genuino disagio al sangue e al gore.

Composto da 3 stagioni, Penny Dreadful cala un po’ e scivola solamente nell’ultima stagione e soprattutto nel suo finale, che, per quanto deludente e “stretto” non cancella comunque l’impronta cinematografica data da questo piccolo capolavoro. Per quanto il fatto che molti nuovi personaggi non siano stati approfonditi e che la loro storia termini ancora prima di iniziare possa infastidire un fan della serie, è innegabile che non c’è stato e non c’è tuttora davvero nient’altro come Penny Dreadful in televisione.

E, tuttavia, non è per tutti. Non è una serie per l’osservatore casuale, ma per colui che vuole anche altro e non fermarsi solamente alla superficie. Se ti piace la letteratura, la poetica, un’atmosfera soprannaturale e misteriosa, allora dovresti segnarti subito questa serie tv. Sarebbe quasi scortese non dargli una chance.

Acquista su Amazon.it

Penny Dreadful: Stagioni 1-3 (12 DVD)

Prezzo: EUR 26,90

Penny Dreadful: La Stagione Finale (4 DVD)

Prezzo: EUR 12,59


jQuery(document).ready(function() {

var CONSTANTS = {
productMinWidth : 185,
productMargin : 20
};

var $adUnits = jQuery(‘.aalb-product-carousel-unit’);
$adUnits.each(function() {
var $adUnit = jQuery(this),
$wrapper = $adUnit.find(‘.aalb-pc-wrapper’),
$productContainer = $adUnit.find(‘.aalb-pc-product-container’),
$btnNext = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-next’),
$btnPrev = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-prev’),
$productList = $productContainer.find(‘.aalb-pc-product-list’),
$products = $productList.find(‘.aalb-pc-product’),
productCount = $products.length;

if (!productCount) {
return true;
}

var rows = $adUnit.find(‘input[name=rows]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=rows]’).val(), 10);
var columns = $adUnit.find(‘input[name=columns]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=columns]’).val(), 10);

if( columns ) {
var productContainerMinWidth = columns * (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin) + ‘px’;
$adUnit.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$productContainer.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$products.filter( ‘:nth-child(‘ + columns + ‘n + 1)’ ).css( ‘clear’, ‘both’ );
}

if (rows && columns) {
var cutOffIndex = (rows * columns) – 1;
$products.filter(‘:gt(‘ + cutOffIndex + ‘)’).remove();
}

function updateLayout() {
var wrapperWidth = $wrapper.width();
var possibleColumns = columns || parseInt( wrapperWidth / (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin), 10 );
var actualColumns = columns || possibleColumns actualColumns ) {
$btnNext.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
$btnPrev.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
}
$productContainer.jCarouselLite( {
btnNext : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-next’,
btnPrev : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-prev’,
visible : actualColumns,
circular: false
} );

}

updateLayout();
jQuery(window).resize(updateLayout);
});
});

/*!
* jCarouselLite – v1.1 – 2014-09-28
* http://www.gmarwaha.com/jquery/jcarousellite/
* Copyright (c) 2014 Ganeshji Marwaha
* Licensed MIT (https://github.com/ganeshmax/jcarousellite/blob/master/LICENSE)
*/

!function(a){a.jCarouselLite={version:”1.1″},a.fn.jCarouselLite=function(b){return b=a.extend({},a.fn.jCarouselLite.options,b||{}),this.each(function(){function c(a){return n||(clearTimeout(A),z=a,b.beforeStart&&b.beforeStart.call(this,i()),b.circular?j(a):k(a),m({start:function(){n=!0},done:function(){b.afterEnd&&b.afterEnd.call(this,i()),b.auto&&h(),n=!1}}),b.circular||l()),!1}function d(){if(n=!1,o=b.vertical?”top”:”left”,p=b.vertical?”height”:”width”,q=B.find(“>ul”),r=q.find(“>li”),x=r.size(),w=x0?z-b.scroll:z+b.scroll)}),b.auto&&h()}function h(){A=setTimeout(function(){c(z+b.scroll)},b.auto)}function i(){return s.slice(z).slice(0,w)}function j(a){var c;a=y-w+1&&(c=a-x-b.scroll,q.css(o,-(c*t)+”px”),z=c+b.scroll)}function k(a){0>a?z=0:a>y-w&&(z=y-w)}function l(){a(b.btnPrev+”,”+b.btnNext).removeClass(“disabled”),a(z-b.scrolly-w&&b.btnNext||[]).addClass(“disabled”)}function m(c){n=!0,q.animate(“left”==o?{left:-(z*t)}:{top:-(z*t)},a.extend({duration:b.speed,easing:b.easing},c))}var n,o,p,q,r,s,t,u,v,w,x,y,z,A,B=a(this);d(),e(),f(),g()})},a.fn.jCarouselLite.options={btnPrev:null,btnNext:null,btnGo:null,mouseWheel:!1,auto:null,speed:200,easing:null,vertical:!1,circular:!0,visible:3,start:0,scroll:1,beforeStart:null,afterEnd:null}}(jQuery);

L’articolo Perché Penny Dreadful è la serie tv più bella di sempre sembra essere il primo su VIRALPOP.

Source : https://viralpop.it/notizie/perche-penny-dreadful-la-serie-tv-piu-bella-sempre/5291/