Ritiro immediato! La celebre merendina è a rischio salmonella! Ecco i lotti interessati da buttare immediatamente

70

Il Ministero della Salute segnala in una nota ufficiale che i croissant Bauli a lievitazione naturale con crema al latte sono stati richiamati dal mercato. Il lotto di produzione è il LA8312BR, con data di scadenza il 30 novembre 2018.«Motivo del richiamo: rischio microbiologico (per presenza di Salmonella). Il richiamo del Ministero pubblicato il 3 ottobre invita a “non consumare il prodotto e a “riconsegnare le eventuali confezioni al punto vendita di acquisto”. La segnalazione del Ministero riguarda soltanto un lotto (il numero LA8312BR) di croissant del tipo “5 cereali – latte fresco” venduti in confezione da sei, per cui tutti gli altri prodotti Bauli non rappresentano alcun rischio.I croissant da ritirare contengono crema di latte e uova e la Salmonella spp, del tipo non tifoideo, ha i suoi principali serbatoi d’infezione negli animali e i loro derivati (come carne, uova e latte consumati crudi o non pastorizzati).

Le salmonelle non tifoidee, responsabili di oltre il 50 per cento del totale delle infezioni gastrointestinali, sono una delle cause più frequenti di tossinfezioni alimentari nel mondo industrializzato. Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 95 richiami, per un totale di 165 prodotti, e una revoca. La classificazione tassonomica della Salmonellla è piuttosto complessa e si basa su dati di comparazione e di omologia del DNA; prevede due specie principali: Salmonella bongori e Salmonella enterica. (Continua dopo la foto)

All’interno di quest’ultima specie si distinguono varie sottospecie, tra cui Salmonella enterica subsp. enterica, che presenta vari serovar (o sierotipi) e tra questi quelli di interesse clinico sono: Typhi, Paratyphi, Typhimurium, Enteritidis e Cholaeresuis. Un esempio di denominazione corretta è: Salmonella enterica subsp. enterica ser. Thypi, tuttavia si ha la tendenza a utilizzare il nome del sierotipo in sostituzione a quello della specie, come: Salmonella typhi, Salmonella paratyphi, ecc. (Continua dopo la foto)

La classificazione dei sierotipi si basa sul corredo antigenico dei batteri secondo lo schema suggerito da Kauffmann e White, e perciò utilizzando l’antigene somatico O, gli antigeni flagellari H1 e H2 e l’antigene di superficie “Vi” (quest’ultimo presente solo in alcuni serovar).In base all’antigene O si distinguono nei sierogruppi A, B, C1, C2, D ed E. Il nome Salmonella, deriva da quello del veterinario Daniel Elmer Salmon che la documentò per primo, sebbene a scoprirla, sia stato il suo assistente Theobald Smith.Nell’uomo questi vari sierotipi sono causa di differenti gruppi di malattie infettive. Febbri enteriche: la febbre tifoide e paratifoide, manifestazioni a carattere sistemico, rispettivamente causate dai sierotipi Salmonella typhi e Salmonella paratyphi. Salmonellosi: sono le forme più comuni di malattia da salmonelle e si manifestano come infezioni localizzate a carico dell’intestino (tossinfezioni alimentari) e sono causate dalle salmonelle minori, ovvero dai sierotipi Salmonella typhimurium e Salmonella enteritidis.Setticemia: infezione associata al sierotipo Salmonella cholaeresuis e il cui rischio di insorgenza è più alto nei pazienti in età geriatrica, pediatrica e negli immunocompromessi.

Source : http://www.mag24.es/2018/10/04/ritiro-immediato-la-celebre-merendina-e-a-rischio-salmonella-ecco-i-lotti-interessati-da-buttare-immediatamente/