“Sento la fine…”. Piero Angela choc: la confessione sul suo stato di salute

18

Piero Angela, il mito della divulgazione televisiva, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, ha parlato a lungo di molti argomenti: dai suoi imminenti 90 anni alla morte, alla politica fino ad uno strano incontro con Silvio Berlusconi. A breve compirà 90 anni: come festeggerà? “Tutti mi vogliono festeggiare, sono un po’ preoccupato. Ma io me andrò a Parigi…”. Quanti anni si sente? “45, la metà”. Pensa mai alla morte? “Sento che il conto alla rovescia va avanti – ha detto a Rai Radio1 Angela – ma bisogna solo accettare quella che è la vita. Abbiamo una possibilità su miliardi di nascere, e dobbiamo esser felici di aver vissuto, siamo stati fortunatissimi. E quindi va anche accettato che, ad un certo punto, il biglietto sia scaduto…”. Anni fa disse che vorrebbe morire con la penna in mano. “Mi piacerebbe, si”. La morte non fa paura. “Sento che il conto alla rovescia va avanti – ha detto – ma bisogna solo accettare quella che è la vita. Abbiamo una possibilità su miliardi di nascere, e dobbiamo esser felici di aver vissuto, siamo stati fortunatissimi. E quindi va anche accettato che, ad un certo punto, il biglietto sia scaduto…”.

Per chiudere sull’argomento, Angela cita una celebre frase di Woody Allen: “quando gli chiesero cosa pensava della morte, lui rispose così: ‘non ho cambiato idea, sono decisamente contrario”. Il conduttore ha poi spiegato di aver conosciuto il leader di Forza Italia in un luogo molto poco istituzionale: “Ci siamo conosciuti in un gabinetto, dopo che ognuno, però, aveva già fatto quello che devo fare…. Era una cena di gala, per i Telegatti. Berlusconi aveva appena acquistato Tv Sorrisi e Canzoni. Io non lo conoscevo e quindi parlammo un po’ in quell’occasione, nel bagno. Mi colpì il fatto che mi parlò di tante cose, senza conoscermi, anche cose molto delicate”. (Continua a leggere dopo la foto)

Piero Angela si confessa a 90 anni: “La morte? Sento il conto alla rovescia”
„Tanti i ‘no’ detti durante la sua carriera. E nessun pentimento. In passato, ad esempio, gli proposero di fare il direttore di rete. “Si, furono i repubblicani, ma dissi no”. E anche di diventare direttore del Tg. “Quello me lo proposero i liberai. Ma succede spesso, anche oggi mi hanno chiamato per propormi un incarico prestigioso…”. Le hanno mai chiesto di candidarsi in politica? “Si, certo”. Chi glielo chiese? “Personaggi della Rai, mi chiedevano di entrare in politica. Ma io…per carità, non ci ho mai pensato”. Crede all’idea di democrazia diretta grazie al web? “Macché, proprio per niente”. (Continua a leggere dopo la foto)

Pochi giorni fa, ospite della trasmissione Le parole della settimana su Rai 3, Angela è stato intervistato da Massimo Gramellini, e i due hanno discusso – tra tanti altri argomenti – anche della condizione economica del nostro Paese e del ruolo della politica nel redistribuire la ricchezza. ”Quando mai sentiamo la politica e i mezzi di informazione occuparsi di migliorare l’educazione o l’attratività del Paese?”, ha chiesto retoricamente Angela. Che ha continuato: “chi viene a investire [in Italia] trova una situazione che disincentiva a farlo. Siamo fermi da 15 anni“.

Source : http://www.mag24.es/2018/10/10/sento-la-fine-piero-angela-choc-la-confessione-sul-suo-stato-di-salute/